lunghezza modello anno base cabine posti bagni prezzo

Noleggio barche Tremiti. Le Isole Tremiti sono a circa 12 miglia nautiche dalla costa del Gargano ed è l'unico arcipelago dell'Adriatico. Rocciose e inospitali, sono tuttavia ricche di storia e costituiscono un'ottima destinazione per la navigazione in barca, per la qualità delle acque (le isole sono parte di un Area Marina Protetta) e l'assenza di turismo di massa. L'isola principale è San Domino, circondata a poca distanza da San Nicola e Capraia, mentre Pianosa a circa 12 miglia non è accessibile.

Noleggio barche Rodi Garganico. Il Promontorio del Gargano offre uno scenario unico: il cosiddetto Sperone d'Italia è coperto da boschi e vegetazione (ricompreso nel Parco Nazionale) e scende sulla costa formando spettacolari scogliere calcaree, punteggiate da grotte, alcune spiagge sabbiose e suggestivi borghi marinari. La base di partenza più a nord è Rodi Garganico, un bellissimo borgo circondato da una lussureggiante vegetazione di agrumeti, olivi e pini e costeggiato da 4 km di spiagge. Il mare attorno ha ricevuto recentemente tre vele dalla Goletta verde. Rodi è anche il marina di partenza per raggiungere le Isole Tremiti. Costeggiando il promontorio si giunge alla città più importante, Vieste, il cui pittoresco casco storico abbarbicato su uno sperone di roccia è dominato dal Castello Svevo voluto da Federico II.

Noleggio barche Bari. Il capoluogo pugliese non è solo una vivace grande città ricca di fascino (la suggestiva Bari Vecchia, la Cattedrale di San Nicola, la Fiera del Levante), ma è la base di partenza per una vacanza in barca che comprende i porti storici di Molfetta e Trani e più a sud, Polignano. Questo borgo sorge a picco su un mare blu protetto da una bianchissima scogliera che al tramonto assume colori magici.

Noleggio barche Brindisi. Brindisi è un'importante città, ottimamente collegata (treno, aeroporto) che può costituire la partenza di una vacanza in barca che comprenda la costa, bassa e sabbiosa e i suggestivi borghi dell'entroterra (Ostuni, la “città bianca” e Alberobello con i suoi trulli).

Noleggio barche Otranto. Otranto è una città che evoca la storia in ogni suo angolo: prima zona popolata dai Messapi, poi dai Greci e dai Romani. Il centro medievale conserva la cattedrale normanna e il massiccio castello aragonese. A 3 miglia a sud dal porto troviamo capo d'Otranto, che si ritiene il confine fra mar Adriatico e Jonio: la suggestiva costa qui è punteggiata da torri d'avvistamento, grotte e anfratti. Navigando verso nord incontriamo la baia sabbiosa di Torre dell'Orso e poi possiamo arrivare a San Foca, borgo marinaro con un bel porto attrezzato in mezzo alle falesie. Se siete appassionati di arte, non tralasciare una visita a Lecce, la perla del Barocco, nell'entroterra ma a soli 46 km.

Noleggio barche Santa Maria di Leuca. La punta del tacco, Leuca è il confine ideale fra Adriatico e Ionio. La cittadina compresa fra Punta Ristola e Punta Meliso, può vantare una lunga lingua di sabbia considerata fra le più belle di Puglia. Il moderno porto turistico di Marina di Leuca, all'interno di un molo foraneo costruito negli anni '80 consente un ottimo riparo anche in caso di forti venti. La struttura con 1000 metri di pontili inoltre offre al diportista tutti i servizi di alta qualità: nostri charter hanno a disposizione barche a vela, a motore e catamarani dei migliori cantieri. La zona consente non soltanto vita di mare e spiagge, ma anche visite d'arte, in un luogo mitico. Qui secondo la leggenda sbarcò Enea fuggendo da Troia e fu anche terra di passaggio di San Pietro proveniente dalla Terra Santa. Una visita al centro comprende la Basilica di Santa Maria de finibus terrae, il passeggio lungo le ville ottocentesche e si può raggiungere il faro di Leuca, sulla Punta Meliso a 100 metri sul livello del mare. La base di partenza del noleggio barche a Santa Maria di Leuca consente la navigazione verso la costa adriatica oppure la costa ionica. Nel primo caso si tratta di un litorale prettamente roccioso, con bianche scogliere e alcune grotte suggestive (Zinzulusa la più famosa), intervallato da piccole insenature. Diversi approdi e porticcioli: Tricase, Miggiano, Castro Marina e Porto Badisco; dopo circa 25 miglia nautiche si incontra Otranto. L'altra opzione è la costa ionica: qui il litorale è basso con la presenza di lunghe spiagge e si può raggiungere Gallipoli a circa 30 miglia.

Noleggio barche Gallipoli. Noleggiare una barca nella suggestiva Gallipoli per avere una base di partenza per escursioni in un mare splendido e navigare fino a Leuca o fino a Taranto. Gallipoli vecchia sorge su un isolotto calcareo protetto da mura medievali, collegato alla terra ferma da un ponte in muratura del XVII sec.. Oggi Gallipoli è il centro della movida notturna, con una serie di locali e ristoranti alla moda. Se volete tranquillità non resta che navigare con la vostra barca! Di fronte alla città l'isolotto di S.Andrea, completamente pianeggiante con un faro nel centro. Rotta sud-est per incontrare a ridosso della città, la bella Baia di Gallipoli. Da qui la costa è mista, rocciosa e sabbiosa, ma fino Santa Maria di Leuca c'è solo l'approdo di Torre San Giovanni. In direzione nord-ovest si incontra invece la Gallipoli moderna, con ben 4 porti turistici, per poi proseguire lungo S.Caterina di Nardò e finalmente Porto Cesareo, all'interno di un'Area Marina Protetta, con una darsena moderna e attrezzata. La zona attorno è di una bellezza impressionante: la penisola della Strea forma una suggestiva laguna, uscita dalla quale la vegetazione, gli scogli, il mare turchese la fanno da padrone, con davanti l'Isola dei Conigli.

Noleggio barche Taranto: la città dei due mari, perché si estende fra il Mar Grande e il Mar Piccolo. Presso il primo, attorno alle Isole Cheradi abita una colonia di delfini. Taranto, città fondata dai greci, era l'unica colonia spartana della Magna Grecia. Vanta quindi una millenaria storia e vocazione marinara, tanto da avere una rinomato Arsenale Marittimo della Marina Italiana. Noleggiare barche a Taranto consente di navigare verso sud-est, fino all'Area Protetta di Porto Cesareo, oppure seguire l'ampia curva del Golfo di Taranto lungo la bassa costa sabbiosa per raggiungere ed ormeggiare a Policoro, in uno scenario di vento leggero e mare limpido.