lunghezza modello anno base cabine posti bagni prezzo

La costa dell'isola d'Elba è estremamente articolata, formando innumerevoli promontori, baie, golfi e cale. La barca consente di goderne le sue bellezze, esplorare tutto lo sviluppo della costa, grazie anche alla presenza di molti approdi, buoni fondali per l'ancoraggio, e diversi marina turistici. Un paradiso della navigazione, con più di 80 miglia di coste, 70 spiagge, eccellenti località turistiche e borghi antichi. Il capoluogo è Portoferraio, collegato a Piombino e Livorno con corse regolari di traghetti e trasporto auto. La cittadina, sorta nel medioevo come centro estrattivo del ferro, fu rifondata in età medicea e conserva ancor oggi i torrioni e la fortezza. A Marina di Portoferraio il porto vecchio a ferro di cavallo, ottimo e riparato per ogni tipo di barca. L'altro porto della costa settentrionale è Marciana Marina, dove ormeggiare per visitare il caratteristico borgo con le piazzette e i vicoli. La costa sud è più pianeggiante, anche se non mancano rocce e scogli. Marina di Campo è la località alla moda, con ristoranti e club soprattutto d'estate quando la spiaggia si riempie di turisti. Gli altri porti turistici sono nella aspra costa est: Porto Azzurro, suggestivo borgo all'interno di una insenatura e più a nord, Rio Marina e Cavo. Le rade più belle dove ancorare la vostra barca: usciti da Portoferraio con rotta ovest, superato Capo d'Enfola si trova un sistema di tre baie molto ravvicinate: Viticcio, Biodola e Forno. Si può dare l'ancora aiutati da un buon fondo in ognuna di esse, per nuotare, fare snorkeling o scendere a riva. Biodola ha una bella spiaggia, e in tutte le baie si può godere di un paesaggio incantevole di macchia mediterranea cullati dalla brezza. Non lontano da Procchio, la spiaggia della Paolina, chiamata così perché era il luogo dove sostava la sorella di Napoleone quando veniva a trovarlo in esilio. Uno dei posti più intimi dell'isola, dove ancorare per raggiungere la spiaggetta a nuoto o con il tender e lo lo scoglio omonimo a pochi metri dalla riva. Nella parte sud-ovest si trovano in un breve arco di costa, tre luoghi imperdibili. La prima è la piccola spiaggia di Pomonte, con il relitto del cargo Elviscot adagiato sul fondo a breve distanza ad una profondità di 8-12 m che ne fanno una meta adatta anche ai subacquei meno esperto o allo snorkeling. Proseguendo incontriamo la famosa baia di Fetovaia: il mare turchese e la natura incontaminata ne fanno una sosta imperdibile per un bagno o semplicemente rilassarsi a bordo. Infine le Piscine di Seccheto, una serie di vasche naturali di acqua marina formate da lisci lastroni di granito. Sono perfetti per sdraiarsi, mantengono il calore rendendo piacevole la tintarella (in un'acqua trasparentissima) anche nelle mezze stagioni. Infine la parte est: vicino a Porto Azzurro la rada di Barbarossa è molto suggestiva e comoda per raggiungere il paese senza ormeggiare al trafficato porto. Non possono mancare all'Elba stupende spiagge: vicino a Portoferraio, lato ovest abbiamo la Padulella e Capo Bianco. Poi la già citata Biodola in un contesto naturale eccezionale. Sulla costa sud la celebre (e affollata d'estate) Cavoli: nelle mezze stagioni arrivando dal mare troverete tranquillità e natura e la possibilità di esplorare col tender o il kayak, la adiacente Grotta Azzurra.. Si susseguono una serie di baie, con spiagge piuttosto turistiche: Marina di Campo e Lacona. Soprattutto quest'ultima offre una spiaggia dorata molto lunga, con dune e una pineta alle spalle; non lontano il Capo Stella, dove si può ancorare in un fondale di sabbia per fare un bagno o snorkeling in acque limpidissime. Per concludere la nostra rassegna, una meta particolare sulla costa est: a poco più di un miglio da Porto Azzurro, il laghetto di Terranera. Potrete ancorare appena fuori, nella minuscola insenatura e raggiungere questo bacino, anticamente un pozzo minerario poi riempito con acqua sulfurea. E' separato dal mare da una sottile striscia di sabbia e forma un bellissimo contrasto di acque di colori diversi; attorno i resti dei macchinari e della miniera.

La maggiore isola dell'arcipelago toscano è raggiungibile rapidamente da Piombino in traghetto. Una volta a Portoferraio, una delle possibilità più richieste è una giornata in barca: i nostri operatori offrono molteplici alternative, comode barche a motore a barche a vela, catamarani oppure agili gommoni. L'Elba è un paradiso della vela: sia che siate skipper e vogliate una barca in bareboat, sia che preferiate lo skipper a bordo, proponiamo interessanti itinerari da completarsi in giornata. Emozionanti navigazioni lungo la costa, sosta nelle rade più interessanti (Forno, Biodola, Marciana Marina), possibilità di snorkeling e immersioni (il relitto di Pomonte è una delle mete top). Inoltre pranzo e aperitivo a bordo al tramonto per ritornare alla base di partenza. In alternativa potrete visitare la costa orientale: Cavo, Rio Marina e la pittoresca Porto Azzurro. L'opzione gommone a motore dà la possibilità di un day charter senza bisogno di patente nautica. Potrete navigare sotto costa, fino alle mete più belle, poi ancorare o ormeggiare nei numerosi porti turistici dell'Elba e magari raggiungere la costa sud.

Il grande vantaggio di una vacanza in barca è che non siete limitati alla navigazione, ma potete visitare i dintorni lasciando ormeggiata l'imbarcazione. L'isola d'Elba è abbastanza grande e offre una varietà di escursioni, dalle cittadine portuali, ai borghi in collina, ai percorsi naturalistici. I tre porti turistici principali sono localizzati in altrettanti interessanti centri urbani che meritano la visita. Portoferraio, in un'area già abitata in epoca imperiale, ricevette un forte sviluppo in età medicea per sfruttare gli importanti giacimenti di ferro dell'isola (da cui il suo nome). Che fosse una centro strategico soggetto ad attacchi nemici lo segnalano le tre fortezze ancora esistenti, la cortina di mura e i bastioni, costruiti dai Medici. Inoltre non si può parlare dell'Elba senza menzionare Napoleone: è visitabile a Portoferraio la Villa dei Mulini, una delle due residenze abitate dal generale in esilio. Gli altri due porti dove ormeggiare per una piacevole sosta sono Marina di Campo, un po' il centro turistico estivo per eccellenza, pieno di locali, bar, ristoranti e club e Porto Azzurro, sulla costa est, un pittoresco villaggio marinaresco all'interno di una baia. E' consigliabile poi il noleggio di uno scooter o di un'auto per poter visitare i dintorni di questi centri e inoltrarvi nell'entroterra. La zona ovest dell'isola è montuosa, dominata dal picco del Monte Capanne (poco più di 1000 m di altitudine). Compresi fra 15 e 25 km da Portoferraio si estendono graziosi paesini collinari: San Piero in Campo, Sant'Ilario e Marciana Alta. Arroccati sui pendii, stretti vicoli e viste sulle valli e sul mare: trovate qui l'autentico spirito isolano elbano. Da Marciana una cabinovia sale fino alla vetta del Monte Capanne. Nella parte orientale dell'isola, invece, raggiungibile sia dal capoluogo che dalla vicina Porto Azzurro (soli 5 km), l'altro villaggio collinare: Capoliveri. Suggestiva la visita delle ex-miniere di ferro del Monte Calamita (e come poteva chiamarsi diversamente..) e del borgo antico. Capoliveri è infatti uno dei sette comuni dell'isola e la sua fondazione risale al medioevo: nel centro storico si visitano S.Maria Assunta, chiesa romanica, e il Santuario di Madonna delle Grazie, in una suggestiva posizione che domina la baia. Una serata che si potrà concludere in uno dei numerosi ristorantini del borgo collinare.